Skip to content

3000 ACCESSI !!

novembre 30, 2011

LUNEDÌ, 29 AGOSTO 2011

COME PRIMA PIU DI PRIMA (T’AMERO’)

L’Osservatorio del Vino ha subito una battuta d’arresto per motivi abbastanza imprecisabili e di cui qui comunque non si parlerà, perché sostiene l’autore che si tratta di questioni personali e non attinenti al mondo del vino.

Nonostante questo ho potuto notare che gli accessi continuano ad avvenire anche se da tempo non pubblico più niente.

Questo mi rallegra. Ovviamente. E ringrazio tutti coloro che hanno fatto una capatina.

Ma c’è anche un altro motivo: anch’io, come molti altri ben più esperti e competenti e navigati di me, delle volte mi chiedo il senso di scrivere su un blog, e mentre rifletto sono portato a non scrivere

Altri, più drastici o forse più ambiziosi hanno dichiarato di voler smettere con il proprio blog http://percorsidivino.blogspot.com/2011/08/riflessioni-sulla-crisi-dei-wine-blog.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+PercorsiDiVino+%28Percorsi+Di+Vino%29.
I motivi sono quelli che tutti possono leggere , e il post linkato è effettivamente molto bello anche se venato di una certa fatalistica malinconia, ma per i pigri li riassumo qui:
l’affievolirsi della voglia di scrivere, e insieme della vanità di farlo;
la diminuzione degli argomenti, perché scrivere sempre del vino bevuto la sera prima stanca e non interessa, mentre argomenti nuovi, dopo i tappi, le etichette, il significato della degustazione, se sia giusto o meno fare polemica, insomma dopo un po’ non si sa più cosa scrivere e qualcuno ha detto che gli viene anche l’ansia per non saper cosa mettere nero su bianco;
la sensazione di essere soli, e che alla fine a nessuno importi davvero niente se scrivi o non scrivi (questa cosa a me importa poco, il mio blog non ha motivazioni di nessun genere);
il fatto che con i blog non si guadagna niente, ma ci si perde un fracco di tempo, e questo è vero anche per me;
il fatto che alla fine si costituisce una cerchia di soliti noti, amici vari o gruppetti e gruppuscoli e difficilmente si superano le colonne d’Ercole della notorietà.

Bene, tutto questo per me non vale, salvo il fatto che ci si deve perdere un mucchio di tempo.

L’Osservatorio del Vino nasce, un po’ per scherzo e un po’ per no, di comunicare le mie opinioni e quelle –che io comunque rielaboro e di cui mi prendo la responsabilità – del gruppo della Fibess. Ma non c’è nessuna velleità né di sfondare nel mondo dei blogger né di guadagnarci, anche perché sono un dilettante e mi guadagno la pagnotta in un altro modo, per certi aspetti perfino incompatibile con il vino…
Invece, e questa si è sempre una cosa gradevole, mi piace andare a rivedere cosa ho scritto, per me ogni post è un ricordo, di qualcuno, di una serata o di un’amicizia.
Mi piace rileggermi (probabilmente sono il mio primo lettore!) e mi piace anche vedere come cambiano i miei gusti e come cambiano le mie opinioni.
Mi piace moltissimo quando qualcuno fa un commento: gli accessi al blog si vedono lo stesso, ma un commento è un’altra cosa.
Non ho paura di sembrare incoerente, salvo che su alcuni capisaldi, non sono abbarbicato alle mie vecchie idee perché il mondo cambia e un po’, volenti o nolenti, bisogna inseguire.

Vabbè, stavolta non sembra un post ma un flusso di coscienza. Bene anche così.

Comunque la notizia è che i post riprendono, ho sempre ancora molto da dire, e i 3000 accessi sono uno zuccherino che condivido volentieri con tutti.

Un saluto dal vostro Primo Oratore.

Postato da: arneis a 18:14 | link | commenti 

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: