Skip to content

OBIETTIVO CENTRATO

novembre 30, 2011

GIOVEDÌ, 07 APRILE 2011

VALPOLICELLA SUPERIORE DI RIPASSO 2008
VIGNETI DI VALDIMEZZO
6 APRILE 2011

Uno dei tanti obiettivi della fibess, ma non solo di questa presumo, è riuscire ad acquistare un buon vino ad un prezzo basso. Come soglia del prezzo basso la fibess ha indicato i 10 €.
Questo vino mi è stato dato da assaggiare dal Grande Logoteta che è riuscito ad accaparrarsene una decina di bottiglie prendendolo in offerta speciale in un supermercato di Trento a poco più di 4 € circa.
Ora, io ritengo del tutto inutile spiegarvi cosa è la tecnica del ripasso, come funziona, in quale vini è ammesso, tutte ‘ste cose qua le potete trovare ovunque su internet, spiegate meglio di come farei io. Inoltre è una cosa abbastanza noiosa per un consumatore che vuole dedicarsi a degustare il vino: come si fa a farlo lo lasciamo dire ad altri.
Insomma, l’ho aperto ieri per una cena con un amico. Il vino è servito sia per dare una marinatura alla carne (uno spezzatino tirolese di carne a cubetti, salsicce, pancetta, salsa di pomodoro e patate tutto mescolato sapientemente insieme) quindi è stato aperto verso le 2 del pomeriggio, sia per accompagnare il pasto.
Per la marinatura ne abbiamo usato un paio di bicchieri ed il resto è rimasto lì a prendere aria per tutto il pomeriggio.
Ora non è che io mi aspettassi troppo ma mi sbagliavo. E’ un vino che innanzitutto ha retto benissimo un piatto così forte e saporito, ivi-compreso l’accompagnamento dell’immancabile polenta.
Un vino corposo dunque, e ampio, con i suoi potenti sentori, morbido ed avvolgente , in questo aiutato da un’alcol del 13,5 %. Spiccano aromi di frutta rossa matura, insieme ai classicissimi effluvi di zenzero che dovrebbe essere il descrittore tipico dei vini della Valpolicella.
Certo, se penso a quanto è stato pagato ed a quanto ha accompagnato la cena debbo dire che è uno dei vini con il migliore rapporto qualità/prezzo che io abbia mai bevuto.
Sul alcuni polemicissimi blog (ma che però meritano di essere letti, per esempio questo http://vinoalvino.org/page/10) troverete aspre tirate contro i produttori  che dicono che va tutto alla grande e dopo, alla fine, si trovano a dover fare sconti presso la GDO perchè il vino possa essere venduto anzichè continuare a restare in cantina … ma per il consumatore consapevole, avercene  vino così ad un prezzo così!

Un saluto dal vostro Primo Oratore

Postato da: arneis a 18:44 | link | commenti 

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: