Skip to content

UNA MODESTA PROPOSTA

novembre 30, 2011

MERCOLEDÌ, 14 SETTEMBRE 2011

UN FRANCESE, UN TEDESCO ED UN INGLESE … E UN ITALIANO

Ci sono tre turisti, mettiamo un francese, un tedesco e un inglese, che vengono in vacanza in Trentino (regione che una volta faceva anche rima con vino), ma anche in Italia, in fondo è la stessa cosa; dov’è che potrebbero andare a assaggiare e magari comperare qualche bozza di vino facendosi un’idea di tutta la produzione Trentina?

Ecco cosa accade in Francia.

Come succede ormai a tutti coloro che preparano un viaggio, dovunque ed anche all’estero, prima di andare in vacanza si prova a documentarsi su internet per andare alla ricerca di ciò che interessa.

Anche in relazione al vino, la rete è assolutamente dispersiva: si trova di tutto, ma poi non tutti i siti sono fatti bene per i turisti. Escono moltissime informazioni e ci si fa un’idea, però ci sono indubbi ostacoli:
innanzitutto si trovano tantissimi singoli produttori che presentano i loro prodotti, la loro filosofia eccetera, ma da casa non è facile organizzarsi bene, perché per cominciare non si ha un’idea esatta della distanza fra una cantina e l’altra di quelle che ci interessano (magari distano 100 km l’una dall’altra) ed inoltre non coincidono gli orari, alcuni solo su appuntamento eccetera;
inoltre, almeno per me, è difficile fare viaggi solamente di turismo enologico, per cui cioè trovare il modo di fare tante visite in poco tempo senza troppe dispersioni è un aspetto importante.
Spesso poi sono carenti le informazioni indispensabili, tipo indirizzi, numeri di telefono o le utilissime coordinate satellitari, e qualche sito non è manco aggiornato.

Bene, in Francia ho visto una soluzione, che non comprendo come mai sia così poco utilizzata in Italia, e che potrebbe andar bene anche qui in Trentino dove invece manca.
Oltre alla Vinadea infatti, che è descritta in un post precedente  http://osservatoriodelvino.splinder.com/post/25228774/vinadea, abbiamo trovato anche un altro espositore e venditore di vini, sempre con annessa la degustazione.

Ve lo racconto così:
appena fuori dal casello autostradale di Orange (prendete nota) c’è un capannone in una zona altrimenti commerciale e con tanto spazio per parcheggiare. Si capisce da lontano che si tratta di una rivendita di vino perché è scritto fuori a caratteri cubitali, si vede anche dall’autostrada: per non sbagliarsi si chiama Le Palais du Vin – 600 vini in vendita : è questohttp://lepalaisduvin.com/ .
Dentro il clima è molto buono: climatizzato, abbastanza spartano e assolutamente accogliente e silenzioso.
Lo spazio è enorme e vengono presentati tantissimi vini di tutta la zona, di numerosissimi produttori e di diversissime tipologie. Insomma un gran varietà.
Dunque assomiglia ad un’enoteca, con la differenza che i vini sono solamente quelli del territorio e non di tutto il mondo: quindi Chateauneuf du Pape, Gigondas, Vacqueiras Vaucluse eccetera eccetera.
E con un’ulteriore differenza: che si possono assaggiare!
Io non so se si possano assaggiare proprio TUTTI, ma quelli che abbiamo chiesto ce li ha fatti assaggiare senza problemi. Dietro il banco una persona molto competente, abile a spiegare i vini, il parlare territorio, raccontare qualche aneddoto, ma anche a dare buoni consigli.
Ci ha detto, fra le altre cose, che quel punto di degustazione e vendita è dei Vigneron Independants, un’associazione di cui possono far parte solamente i vignaioli che posseggono= sono proprietari, del loro vigneto. Per saperne di più:  http://www.vigneron-independant.com/

Dunque, tanti vignaioli, uniti in una associazione, propongono unitariamente i loro diversi prodotti: la signora al banco li conosce tutti ma è anche in grado di consigliare quelli da acquistare sulla base delle esigenze che vengono dette: per esempio cioè io volevo vini fruttati da regalare e mi ha consigliato fruttati, il mio amico li voleva bianchi secchi e gli ha dato i secchi, eccetera.
Tutte le bottiglie in vendita erano naturalmente diverse, per forma, etichetta, colori eccetera, ma tutte avevano in comune il particolare di riportare il logo dei Vignerons Independant.
Inoltre tutte le bottiglie di uno stesso luogo, ad esempio Chateauneuf du Pape, hanno in rilievo sul vetro il simbolo araldico(?) di Chateauneuf.

Insomma, la simultaneità di esposizione, degustazione e vendita di vini in Italia non è frequente.
In Francia si, infatti l’ho trovata anche una terza volta, questa volta in Costa Azzura, con il nome (originale eh, tenetevi forte…) la Maison du Vin.
Anche lì un’infilata di tantissimi vini di tantissimi produttori della Cote d’Azur.

So che non sarà la soluzione dei problemi del vino Trentino, ma sarebbe bello anche qui da noi, fare un capannone che ne so a Mattarello o verso Lavis:
con dentro tutti i vini che producono i Trentini, o quantomeno l’associazione dei Vignaioli del Trentino, che sembra muoversi con competenza ed attenzione;
pensare di stampigliare sulla capsula di tutte le bottiglie sia il marchio del Trentino (ah, dimenticavo, i vini francesi portano –tutti ?- un marchio nazionale) sia il logo dell’associazione dei Vignaioli;
di fare tutte le bottiglie con uno stemma comune, che ricordi il territorio e che accomuni tutti i vini: potrebbe essere l’Aquila di san Venceslao e/o lo stemma provinciale, o la farfalla, o il mio profilo, o quello di Lorenzo Dellai (lo dico senza alcuna ironia: considero il Presidente una grandissima personalità che a buon diritto potrebbe essere ricordato come effigie comune del Trentino di qualità), insomma una cosa seria basta che sia unitaria;
assumere, a loro spese, una persona competente che venda il vino di tutti;
e che consenta anche e soprattutto di effettuare le degustazioni.

Poi in Francia c’erano anche accessori in vendita, come cavatappi o bicchieri eccetera, da qualche parte anche altri prodotti, come marmellate miele eccetera, ma erano cose di contorno, il fulcro era sempre il vino.

In Francia funziona, ed io stesso mi sono portato a casa qualche buona cassa di vino.

Qui da noi perché no?

Un saluto dal vostro Primo Oratore.

Postato da: arneis a 08:06 | link | commenti 

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: